Casablanca: La grande Moschea di Hassan II

La Moschea di Hassan II, situata nella città di Casablanca in Marocco, è un luogo di culto religioso unico al mondo. Terza per grandezza dopo La Mecca e Medina. La moschea si affaccia sull’oceano Atlantico, dunque è abbastanza facile da trovare. La sua posizione di fronte al mare la rende ancor più appariscente.

La costruzione della moschea ebbe inizio nel 1985 e fu inaugurata ben otto anni dopo, nel 1993. Inizialmente re Hassan II, nonno dell’attuale re Mohammed VI, chiese al popolo di contribuire economicamente alla costruzione di un monumento che potesse dare prestigio alla città di Casablanca e che diventasse un luogo di riferimento nel mondo religioso. Fu così allora che gli abitanti della città e del Marocco donarono soldi per la sua costruzione. E non solo, arrivarono considerevoli donazioni da diverse parti del mondo. La Moschea può ospitare fino a quarantamila fedeli all’interno e più del doppio all’esterno.

Il prezzo del biglietto per accedere alla Moschea di Hassan II è di 120 dirham (12€ circa). Per i minori di 12 anni il prezzo è di 30 dirham (3€ circa). Le visite si effettuano tutti i giorni in diverse fasce orarie: alle 9h00, 10h00, 11h00 e alle 14h00. Il venerdì le visite si possono effettuare solo su prenotazione. Vi consigliamo di raggiungere il luogo almeno venti minuti prima della visita. Al vostro arrivo potreste trovare la porta chiusa, senza indicazione di dove poter acquistare i biglietti d’ingresso. Ma non preoccupatevi, sulla sinistra della moschea troverete delle scale che vi porteranno fino alla biglietteria, ma non potrete scenderle fino a che non arriverà qualcuno che vi autorizzerà. Una volta raggiunta la biglietteria ed acquistati i biglietti dovrete scegliere la fila nella lingua con cui vorrete effettuare la visita guidata.

La guida risulta essenziale per comprendere ed apprezzare la bellezza e la storia della moschea. Abbiamo avuto la fortuna di avere una guida spiritosa e divertente. Una volta entrati nella moschea l’immensità del suo interno ci ha lasciati senza parole. La grandezza delle porte e la cura dei dettagli stupiscono. Ma la particolarità più innovativa di questa moschea è il suo tetto apribile. Durante le calde giornate estive e con più afflusso di visitatori questo viene aperto per dare maggior luce ed aria all’interno del tempio. Il miscuglio di colori che offre lo sfondo azzurro del mare e del cielo danno ancora più vivacità al luogo e lo rendono mistico. I mosaici sono enormi e perfetti, il soffitto è fatto di legno di cedro, i grandi lampadari sono fatti di vetro di Murano e per le maestose colonne è stato utilizzato il marmo di Carrara.

Nella zona dei bagni si possono vedere differenti simboli islamici e scritture che fanno riferimento ad Allah. Nella zona della purificazione, dove i fedeli si lavano prima della preghiera, sono state realizzate quaranta fontane di marmo a forma di fiore di loto.

Inoltre c’è una zona esclusiva per l’Hammam, in occidente conosciuto come bagno turco, che inizialmente era utilizzato proprio per questo. Oggi invece può soltanto essere contemplato dai visitatori. Al suo interno è presente una zona con un’acustica perfetta creata appositamente per far si che chi prega il Corano possa essere udito in tutta la sala. La nostra guida ci diede dimostrazione recitando alcune sure del Corano e ci impressionò molto.

Come già scritto, questa moschea è una delle più grandi al mondo ed essendo stata edificata in tempi relativamente recenti furono utilizzate le più importanti tecnologie e gli ultimi ritrovati dell’ingegneria. Per la sua progettazione e costruzione furono chiamati i migliori architetti ed artisti di tutto il Marocco. Per questo motivo si possono notare all’interno differenti stili in base alla loro provenienza.

L’intento di re Hassan II non fu solo quello di creare un luogo di culto per i soli mussulmani ma un luogo di incontro ed integrazione di tutte le religioni monoteistiche. Infatti sono presenti anche simboli che appartengono alle religioni cristiana ed ebraica. Un luogo dedicato alla religione ed alla comprensione delle diversità.

Sinceramente non ci sono parole per descrivere ciò che si prova entrando in questo capolavoro dell’architettura. La Moschea di Hassan II, assolutamente da non perdere in questo viaggio per Marocco se vi trovate a passare per Casablanca.

Casablanca: La grande Moschea di Hassan II
4.7 (93.33%) 9 votes
Tags from the story
,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*