Cose da fare almeno una volta nella vita: la Route 66

Tutti abbiamo sicuramente sentito parlare almeno una volta della mitica Route 66, o vista in un film come il famoso “Easy Rider” o letta in un libro, dato che ha ispirato molti scrittori come luogo dove ambientare le proprie storie. C’è da dire che la Route 66 va di moda. Tutti i viaggiatori incalliti ce l’hanno nella loro lista dei luoghi da visitare prima di morire. Un percorso che partendo da Chicago arriva fino a Santa Monica Beach a Los Angeles, che però spesso rimane solo nella lista dei desideri. Ultimamente sembra aumentato il numero di viaggiatori che la percorrono facendo tappa nei vari paesini fantasma che si trovano lungo il percorso di questa storica Route.

Noi facciamo parte di quest’ultimi che spinti dal mito della Route, dopo averci pensato molto, si sono decisi di percorrerla; una cosa in meno della nostra lista di “cose da fare prima di morire”.

In questo e nei seguenti post vi racconteremo le nostre esperienze, caricheremo foto dei luoghi che abbiamo visitato e vi daremo informazioni utili per invogliarvi ad intraprendere questa meravigliosa avventura.

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER ENTRARE NEGLI STATI UNITI


Se avete intenzione di percorrere la Route 66 dovrete pianificare il viaggio con qualche mese di anticipo. Per entrare negli Stati Uniti serve un visto (ESTA) che vi verrà consegnato qualche giorno prima della partenza. Di seguito tutte le informazioni necessarie per entrare negli Stati Uniti.

CAMBIO DA EURO A DOLLARI


Molti si chiedono se è meglio cambiare gli euro in dollari prima della partenza o quando si arriva negli Stati Uniti. Decisamente la cosa migliore è cambiarli prima di partire. Ci siamo resi conto che il cambio fatto una volta arrivati non è così favorevole. Oltretutto a volte non è facile trovare una banca per effettuare il cambio e se non si hanno contanti, prelevare al bancomat ha dei costi di commissione molto elevati. In definitiva vi raccomandiamo di effettuare il cambio nella vostra banca prima della partenza.

 

Prezzi approssimativi:

  • Hotel lungo il percorso: 50-60$ per una stanza doppia a notte
  • Noleggiare un’auto: 1.300-1.500$ gamma media per circa 20 giorni

 

DOMANDE FREQUENTI


La Route 66 o U.S. 66, anche conosciuta come The main Street of America, ha una lunghezza di quasi 4.000km e fu realizzata nel 1926. Grazie all’elevato numero di viaggiatori molte cittadine che sorgevano lungo questa strada nei diversi stati che l’attraversavano, si sono arricchite. Dal 1985 non si trova più nel registro ufficiale delle strade nazionali degli Stati Uniti.

  • Percorre la Route 66 in moto o in macchina?

Nell’immaginario collettivo la Route 66 è da percorre in moto (Easy Rider insegna), ma bisogna tener presente che le ore di viaggio sono veramente tante, si attraversano stati con climi differenti (molto caldi o molto freddi) o peggio ancora si può incappare in qualche buca inaspettata. Un altro aspetto da considerare è la scarsa capacità di carico di una motocicletta. Se si cerca la comodità e non si ha lo spirito del motociclista vi consigliamo di noleggiare una macchina. Ci sono diversi siti di autonoleggio che offrono qualunque modello o tipologia d’auto, la più gettonata è una tipica Muscle Car americana, la Chevrolet Camaro. Quasi tutti gli autonoleggi permettono la riconsegna dell’auto in una città differente da quella dove si è presa a noleggio.

Una volta in strada bisogna stare molto attenti ai limiti di velocità. Guidare lungo questi infiniti rettilinei che sembrano non finire mai, può invogliare a pigiare sull’acceleratore. Anche se le strade sembrano deserte, dove meno ve l’aspettate potreste incappare in una macchina della polizia nascosta. Noi siamo stati multati per eccesso di velocità (abbiamo superato il limite di 17 miglia orarie) e non pensiate che la multa non arrivi. Vi assicuriamo che ARRIVA!!!

  • E’ necessario pianificare il viaggio?

Secondo noi conviene pianificare il viaggio con le località principali e simboliche che volete visitare lasciandovi però la possibilità di variare e modificare il vostro programma di viaggio. E’ una road trip e non è possibile pianificare tutto quanto! E’ anche possibile percorre la Route 66 con un viaggio organizzato. Ci sono molti siti che organizzano Route 66 tours e molti sono i viaggiatori che optano per questa soluzione.

A nostro avviso questo viaggio è da fare in assoluta libertà per poter vivere appieno la magia della Route. Gli hotel non si prenotano assolutamente da casa visto che non si sa né quando né in quale città ci si fermerà. La cosa migliore è che il destino vi guidi e scelga per voi un hotel/motel lungo il vostro percorso. D’altro canto, la durata del viaggio la stabilite voi. Dipende molto dal tempo che avete a disposizione e dal tempo che dedicherete ad ogni vostra sosta. Ci sono città che meritano di essere visitate per più giorni ed altre in cui bastano poche ore. Il Grand Canyon è sicuramente uno di quei posti che meritano di fermarsi per più giorni. Noi, con venti giorni a disposizione, siamo riusciti a visitare le principali città e molti altri posti.

  • Dove inizia e dove finisce la Route 66

La storica Route inizia nella bellissima città di Chicago, e più precisamente nel ristorante Lou Mitchell’s (the first stop on the Mother Road) situato nella via 565 W, Jackson Blvd dove potrete mangiare un boccone circondati da decine e decine di foto e simboli della Route e termina in un famoso chiosco del Pier al molo di Santa Monica a Los Angeles.

  • Possiamo deviare per altre strade invece di seguire sempre la Route 66?

Certamente, ognuno è libero di scegliere l’itinerario che più gli piace. Non è obbligatorio passare per ogni paesino della Route. In realtà l’antica Route 66 non esiste più nella sua interezza. Pochi sono ormai i tratti percorribili della Route originaria del 1926 e grazie a questa nuova ondata di popolarità i paesini che ne vengono attraversati sono tornati a vivere.

Noi abbiamo modificato il nostro percorso deviando nello stato del Nevada per visitare Las Vegas per poter trascorrere una notte nel Grand Canyon in Colorado. Poiché gli Stati Uniti non sono proprio dietro l’angolo, se avete tempo, approfittatene per visitare anche la California ed alcune delle sue belle città. Per il nostro ritorno siamo partiti da San Francisco.

  • La Route 66 è pericolosa?

La Route 66 non è pericolosa. Gli americani sono generalmente persone cordiali, affabili e disponibili. In alcune occasioni, durante il nostro arrivo in alcuni paesi e città, fermi al semaforo o dal benzinaio, siamo stati avvicinati da loschi individui che ci hanno offerto della droga. In questi casi vi raccomandiamo di rimanere calmi e di ignorarli cercando di allontanarvi velocemente.

Per evitare che questo post sia troppo lungo, divideremo il viaggio in diverse entrate suddivise per Stati e soste del nostro itinerario dove vi racconteremo e posteremo foto dei luoghi da noi visitati.

Cose da fare almeno una volta nella vita: la Route 66
5 (100%) 2 votes
Tags from the story

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*